10 dicembre 2012

#15 cose da fare prima di saltare su Twitter

Sempre più CMO, CIO e CEO aprono un loro account personale su Twitter. Buone pratiche e cose da evitare suggerite dalla Social Media Guru Pam Moore, considerata da Forbes una dei “Top Ten” Social Media Influencer 2012.
Potete trovare altri suoi post su http://www.pammarketingnut.com/blog/.
1. Avere un piano
Decidere di aprire un proprio profilo su Twitter presuppone che la vostra azienda abbia già sviluppato un Social Media Plan, con scopi e obiettivi specifici e che “andare su Twitter” sia parte di quel piano. L’ultima cosa da fare per un CEO o un CMO è saltare su Twitter solo come atto casuale di marketing. I “Random Acts of Marketing (RAM) sono i peggiori nemici del Social Media ROI, quindi state attenti.
2. Rallentare per accelerare
L'ultima cosa che da fare è correre su Twitter senza un piano o senza sapere come usarlo correttamente e coinvolgere il pubblico. Prendetevi il giusto tempo per sapere dove si sta andando e perché. Se la vostra azienda non dispone di una Social Media, Strategy, Social Media Plan e nessun altro nel vostro ufficio è su Twitter, si consiglia di prendere il tempo di mettere in pratica alcuni principi fondamentali prima di saltare in prima linea. Avete solo una possibilità per fare una prima impressione.
3. Bilanciare tecnologia e coinvolgimento
La percentuale di geek presente in ciascuno di voi vorrebbe prendere il sopravvento e dominare su tutto. Sì, alla fine si devono imparare gli strumenti e le tecnologie Social. Tuttavia, l'arte dell’engagment è altrettanto, se non più, importante. Quindi, non partiamo in quarta pensando di sapere tutto, solo perché si sa come inviare un tweet. Prendetevi il tempo per conoscere il vostro pubblico, sviluppare la vostra strategia di marca, attuare un piano dei contenuti e seguire i passaggi di questo elenco prima di partire allo scoperto.
4. Verificare la Social Media Strategy
Se non si dispone di una Social Media Policy, svilupparla è al vertice delle priorità. La vostra politica dovrebbe comprendere linee guida minime per la selezione nome utente Twitter, eventualmente la gestione delle Crisis PR, procedure di escalation, pianificazione dei contenuti e altro ancora.
5. Configurare un account di prova
Fatelo senza dirlo a nessuno. Usate la vostra e-mail privata e il vostro nickname. Questo vi darà la possibilità di giocare un po’ con lo strumento e prenderne dimestichezza. Se siete nuovi di zecca su Twitter, non spendeteci troppo tempo, si rischia di esserne sopraffatti. Tuttavia, se avete un cuore geek e vi piace giocare con la tecnologia, allora questo può essere un ottimo modo per “bagnarsi i piedi nelle onde sociali”.
6. Scegliere un nome utente.
Selezionare un nome utente in grado di rappresentarvi. A seconda della social media policy adottata, il vostro account Twitter può o non può essere di proprietà della vostra azienda. In base alla policy e alle linee guida per i nomi degli account Twitter potrebbe essere necessario aderire a loro.
7. Scegliere la foto profilo (avatar)
Avrete bisogno di una vostra fotografia da utilizzare come avatar. Assolutamente NON utilizzare l'uovo di default che Twitter pone come impostazione predefinita. Se lo fate, tutti sapranno che siete dei principianti. Inoltre, non è possibile ottenere molti seguaci perché difficilmente le persone seguono "le uova". Utilizzate una foto recente. Non utilizzare una foto dal vostro diploma di scuola superiore o una foto alla quale vostro figlio ha aggiunto grandi muscoli falsi tramite Adobe Photoshop. Noi tutti vogliamo vedere il vero te, muscoli o non muscoli!
8. Completare il profilo con le informazioni
Inserite il vostro Twitter bio, posizione e url. Non aspettate il giorno in qui siete pronti a partire con i tweet per fare questo. Prendetevi il tempo per coordinarvi con il vostro marketing team che potrebbe redigere il profilo per vostro conto e richiedervi solo l’approvazione.
9. Sviluppare la strategia personale di brand
È necessario sviluppare la vostra strategia di branding. Può suonare strano. Tuttavia, non si sottolinea mai abbastanza quanto sia importante questo passaggio. Dovete sapere chi siete, che cosa siete e quello che avete da offrire ai vostri follower e alla comunità. Il vostro “marchio personale” dovrebbe rappresentare chi siete, sostenendo nel contempo l'architettura complessiva del brand aziendale. È necessario decidere quanto entrare in confidenza con i propri follower. Cosa e quanto volete condividere sulla vostra vita personale, gli hobby ecc
10. Sviluppare un piano dei contenuti
Il piano del contenuto dovrebbe includere contenuto che è sia personale che professionale. Il marketing e Social Media team dovrebbe essere in grado di aiutarvi con contenuti professionali per rappresentare correttamente il vostro business. Chiedete loro una copia del calendario editoriale e i temi chiave che stanno utilizzando per i contenuti. Se non si dispone di queste informazioni, chiedere loro di lavorarci su immediatamente. Impegnarsi nei Social Media – Twitter compreso –  senza un piano editoriale è una ricetta per il disastro.
Per quanto riguarda i contenuti personali, iniziare con una lista dei vostri hobby, interessi, sport preferiti, e qualsiasi altra cosa che abbiate voglia di condividere. Fate un brainstorm individuale sulle vostre attività preferite. Selezionate le prime 3-5 e quindi impostate un foglio di calcolo o un altro tipo di documento, annotando il tipo di contenuto che si potrebbe scrivere. Questo potrebbe includere libri preferiti, autori preferiti o mete di vacanze. O forse siete un gourmet appassionato di cucina. La gente ama vedere e conoscere il cibo sui Social Media e pertanto condividere piatti preferiti o collegamenti a ricette potrebbe aiutarvi a connettervi con altre persone che hanno interessi simili.
Sarete sorpresi dal ROI generato da una corretta pianificazione dei contenuti. I Social Media sono davvero una grande conversazione.
Bonus Suggerimento
Le citazioni sono il contenuto # 1 retweeted su Twitter.
Un modo semplice per iniziare a fornire l'ispirazione nel vostro flusso di Twitter è quello di citazioni tweet dai vostri autori preferiti o business leader. Assicurarsi di aggiungere #quotes alla fine del vostro tweet, così chi cerca tweet, la troverà!
11. Pensiero di valore!
Ponetevi questa domanda: “Come posso offrire il massimo valore a chi mi segue?" Il vostro obiettivo dovrebbe essere quello di aggiungere quanto più valore possibile alla conversazione. Pensate nello stesso modo di quando fate business. In qualità di CEO, CMO, CIO o CTO di qualsiasi tipo, probabilmente si ha un obiettivo di fornire quanto più valore possibile alle parti interessate, partner, collaboratori, azionisti e clienti. Nei Social Media non è diverso. Maggiore è il valore che fornite, più alto sarà il vostro ritorno. Punto. Non c’è bisogno di farla più complicata.
12. Ottimizzare l’investimento di tempo
Bisogna essere realistici su quanto tempo è necessario investire nei Social Media, Twitter compreso. Avete cinque, dieci o quindici minuti al giorno? La quantità di tempo che avete nel corso di una settimana “tipo” guiderà dove e come trascorrere il vostro tempo.
13. Conoscere le proprie capacità
Solo perché non si sa come fare un Tweet, non significa che si è degli stupidi! Fidatevi, anche senza conoscere Twitter si è ancora più intelligenti di metà degli sciocchi che twittano là fuori! Siate onesti con i vostri punti di forza e di debolezza, quando si tratta di imparare i Social Media, l'arte dell’engagement e come portare il massimo valore per il pubblico e il vostro business. Se si hanno delle lacune devono essere colmate ottenendo la necessaria formazione. Assumere un Social Media coach o un consulernte per aiutarvi.
14. Ascoltare e imparare
Il modo migliore per imparare come funziona Twitter è quello di twittare. Il secondo modo migliore è quello di guardare gli altri twittare. Per questo ho consigliato al punto # 5 di impostare un account di prova. Gli account di prova sono un ottimo modo sia per twittare, sia per guardare i Tweet delle persone senza mettere a rischio il proprio marchio o essere imbarazzati per un errore commesso
Quando si inizia a guardare, ascoltare e imparare, si presta molta attenzione al tono delle conversazioni, al linguaggio utilizzato, alla tecnologia impiegata, ecc  Quanto più si guarda e ascolta, tanto più tutto quanto sopra detto, avrà un senso per voi.
15. Ripetere ad alta voce 3 volte:
"Io non ho paura di Twitter!"
Sappiate che tutti possono sbagliare. Ci saranno certamente molte persone che hanno i vostri stessi timori. Quanto più si accetta che “non accade tutto in una notte”, tanto prima si avrà successo. Partire con il giusto slancio, ma sempre usando ragione e metodo. Partite con un piano ben definito, non abbiate fretta, ma siate costanti e incisivi. I risultati non tarderanno ad arrivare.
Take action!
Stai esitando ad avventurarti su Twitter? Se sì, cosa ti trattiene? Forse questi suggerimenti hanno contribuito a motivarti a iniziare? Quali altre domande hai?
Possiamo aiutarti a disegnare una Social Media Strategy per te o per la tua organizzazione. Siamo in grado di aiutarti a massimizzare ogni minuto passato sui Social Media.
Contattaci ora. Un Social Media Specialist sarà lieto di rispondere alle tue domande.