28 gennaio 2013

Il Social Business di Amadori sul Wall Street Journal

La diffusione internazionale della success-story Amadori sembra non arrestarsi: dopo FORBES, il caso approda sul Wall Street Journal.
Questo il titolo della pagina pubblicata sul Wall Street Journal del 5 Dicembre 2012 nella quale IBM “spiega” il suo punto di vista su vantaggi e strategie per il Social Business e cita come caso di successo l’esperienza Amadori.
Il progetto di Social Business che il Gruppo leader del food market ha realizzato con l’aiuto di Tecla rappresenta un esempio innovativo  - non solo per l’Italia -  in cui Marketing e ICT hanno saputo far confluire in un unico ambito soluzioni tecnologiche e strategie di marketing volte a migliorare l’interazione e la customer experience lungo tutto il processo di acquisto e attraverso una logica multicanale.

CIO e CMO hanno gestito insieme il budget del progetto conseguendo non solo vantaggi in termini di costi ed efficienza ma soprattutto in termini di visione integrata dai processi di business che coinvolgono brand, retail e consumatori.
Con il supporto della tecnologia IBM, l’Azienda ha sviluppato un progetto di Social Business Intelligence, in grado di monitorare ciò che si dice sul web e raccogliere informazioni utili per il proprio business.
Listen first!
Il progetto di Amadori affianca ai tradizionali dati aziendali strutturati, una base di dati spontanei raccolti sul web. Questo sistema permette di raccogliere informazioni utili sui prodotti Amadori e sul settore in generale, utilizzando il web come un infinito “focus group”.
Grazie al Social Listening l’azienda è in grado di rispondere in modo tempestivo e “creativo” alle aspettative e ai bisogni dei consumatori che vengono monitorati e analizzati in termini di topics, sentiment ed evoluzione nel tempo.
Ad esempio, come riportato sulla pagina pubblicata dal Wall Street Journal, le conversazioni sulla “sostenibilità” rilevate tra le fasce più giovani di consumatori hanno suggerito al Marketing Amadori la realizzazione di un packaging più “green” a basso impatto ambientale.


Il valore del Social Business


Il blog “Social Media to Social Business” di Sandy Carter, dedica un intero post alla pagina sul WSJ (6 Dicembre 2012).
Secondo la Carter “Liking isn’t leading” significa soprattutto la grande opportunità che la Social Business Technology offre alle organizzazioni per innovare i processi e creare un vantaggio competitivo. Le aziende più innovative che hanno già iniziato questo percorso riescono a superare il semplice concetto di “like” approdando al più evoluto concetto di “lead” grazie ai “Social Tool” e a un nuovo approccio culturale che consente loro di modificare in modo radicale i processi del loro core-business e del loro settore. “Il Business è pronto per il Social” – continua la Carter - per aumentare produttività e sinergia delle risorse umane e per conquistare i clienti con “esperienze d’acquisto eccezionali”.

Quanto è Social il tuo Business?
Scopri i vantaggi delle Tecnologie Social per il tuo business.
Scopri di più sulla Social Business Intelligence Amadori
Post correlati sulla Mediaroom