4 febbraio 2013

Top marketing trend 2013

Una selezione dei trend più significativi previsti per il 2013 dagli esperti di marketing a livello mondiale. Cross-channel marketing, e-Mail marketing, Mobile marketing, Social Media marketing, Content marketing. Vediamoli insieme.
Image: www.ebriks.com
#1 Real Time Marketing
Le campagne marketing tradizionali diminuiranno, il marketing in tempo reale prenderà piede.
Per campagna si intende una serie definita di attività, tattiche e utilizzi dei canali comunicativi che ruota intorno ad un tema comune. Perno della pubblicità per anni, le campagne marketing hanno un grosso problema: la loro struttura è molto spesso rigida, e non può tenere il passo con i cambiamenti del comportamento dei clienti nel tempo, della rapida evoluzione tecnologica dei mezzi di comunicazione e dellla crescente capacità del cliente di essere connesso in qualunque momento. Esse in genere  non sono modificabili sulla base delle azioni che il cliente compie in tempo reale, il che mette il promotore in una posizione di svantaggio. Nel 2013 le aziende utilizzeranno sempre più eventi real-time e triggers che si basano sull’attività di marketing inbound e non più sul push-marketing.
#2 Social Media Marketing
I Social Media vengono integrati nel marketing.
Fino ad ora, i Social Media hanno avuto la funzione di semplici contenitori di utenti, dati e informazioni. Ciò che accadeva in un social network rimaneva in esso. A partire da inizio anno, diventerà cruciale l’integrazione dei comportamenti degli utenti sui social e l’implementazione dei dati nella strategia di marketing, al fine di raggiungere i clienti con messaggi pertinenti in tempo reale anche sulle reti sociali. I social media saranno sempre più integrati con strategie e tecnologie di marketing inbound studiate ad hoc. La strategia di affascinare e invogliare potenziali clienti sui social network per guidarli verso il proprio sito verrà soppiantata da aziende che utilizzano i canali social diversamente: come parte di una strategia più olistica e meglio calibrata, interagendo coi potenziali clienti senza far lasciare loro il canale sul quale stanno operando. Gli esperti inizieranno a sfruttare i dati derivanti dalle attività sociali sincronizzandoli con le banche dati aziendali, in modo da targettizzare in maniera più efficace le email e le call to action per ogni segmento di audience. Si sfrutteranno inoltre i comportamenti sociali per migliorare la personalizzazione dei contenuti a seconda dell’utilizzatore, portando ad un aumento del tasso di conversione.
#3 Customer Insight
Conosci i tuoi clienti.
Smarter marketing significa capire i propri clienti al di là delle informazioni demografiche. Si guarderà sempre di più al di fuori del sistema CRM, per avere una visione unificata del comportamento del cliente a partire dai dati raccolti sul web e dai sistemi di elaborazione aziendali (contabilità o ordini). I CMO saranno indirizzati verso investimenti diretti su tecnologie che rendano la raccolta dati più facile e misurabile; di conseguenza, la novità per i provider di automazioni del marketing sarà l’analisi approfondita del cliente. I sistemi di automazione forniranno una visione unificata del cliente attraverso i diversi canali in cui quest’ultimo opera. L’obiettivo non è solamente l’importazione di dati provenienti da più sistemi, ma l’integrazione dei dati tra loro in modo che le interazioni dell’individuo siano tracciabili e riconducibili ad esso anche se svolte su canali differenti. Questa è una capacità da raggiungere ad ogni costo, dato che tutte le analisi cliente si basano sul cosiddetto “profilo unificato”.

#4 Digital Marketing ROI
Il marketing diventa uno strumento di guadagno più affidabile.
Il 73% dei dirigenti non crede che il marketing guidi la domanda e influenzi le entrate, ma si sbaglia. Nel 2013 il marketing acquisterà importanza e darà un forte contributo alla generazione di profitti: le attività di marketing non saranno mirate solo verso le vendite e la generazione di leads, ma daranno anche un contributo diretto ed efficace alla crescita delle vendite. I marketer faranno un uso massiccio di tecnologie e strategie, al fine di stimolare la domanda e soddisfare gli obiettivi di fatturato. Per i CMO, la pressione è alta: i CEO iniziano a vedere il marketing come uno dei diretti responsabili delle entrate, e stanno dando molta più responsabilità al settore pubblicitario e vendite, con lo scopo di migliorare i profitti. Ecco perché si sta registrando un cambiamento di come il marketing viene misurato e di come collabora con le altre aree aziendali, Sistemi Informativi in primis.

#5 Cross-platform marketing
Comunicare “a reti unificate”
Attualmente, lo sforzo di marketing viene focalizzato in alcune aree distinte o scarsamente integrate tra loro, che includono: SEO, SEM, social media marketing, mobile marketing e altre iniziative di lead generation. Nel 2013 la capacità di elaborare una strategia di marketing che attraversi tutti gli ambiti sopracitati dovrebbe diventare finalmente realtà consentendo, alle aziende che ne saranno capaci, di mandare un messaggio “a reti unificate” alla propria audience su ogni canale.

#6 Mobile Strategy
Passare al mobile o essere svantaggiati.
Nel 2012 sono stati acquistati più smartphone che pc. Chiaramente, il futuro è il mobile marketing. Secondo uno studio IBM pubblicato del 2012, 9 aziende su 10 utilizzano siti e/o applicazioni mobile oppure stanno pianificando di realizzarli in futuro. Tuttavia, solo 1 su 5 sta attualmente utilizzando strategie di mobile marketing come parte di campagne marketing multicanale, mentre le altre sfruttano il mobile marketing come tattica a sé stante e con strategie ad hoc. Nel 2013, il mobile sarà finalmente riconosciuto come un elemento importante della strategia di vendita. Non solo saranno necessari continui investimenti in siti web ed email ottimizzate per piattaforme mobili, ma il mobile diverrà un canale imprescindibile per le aziende che vogliono avere successo.

#7 Content marketing
Social e contenuti avranno un impatto crescente sul SEO.

Negli anni scorsi, avere un buon SEO consisteva semplicemente nel conoscere i trucchi del mestiere meglio della concorrenza. Il SEO di domani non avrà come punti cardine solamente titoli ad effetto e parole chiave, ma verterà maggiormente sulla creazione di contenuti di valore e soprattutto inediti, che possano essere condivisi e commentati socialmente. Negli ultimi dieci anni e mezzo, si è spesso parlato di SEO, social media e contenuti come canali distinti le cui pratiche dovevano essere tenute separate. Questi ambiti si stanno sovrapponendo grazie ad un aumento esponenziale dei contenuti (dovuto all’innovazione nell’ambito dei motori di ricerca) rafforzato dalle correlazioni tra condivisione sociale e linking/ranking. Questi elementi verranno sempre più visti ed analizzati come parti ottimizzabili di un tutt’uno. Nel complesso, il SEO si allontanerà progressivamente dall’ottimizzazione on-page per concentrarsi sulle varie componenti off-page, unendo le due strategie in una potente combinazione.

#8 Big data
Ancora più Big, ma più “digeribili”.
Fino ad oggi, erano gli ingegneri che si dedicavano ai big data. Nel 2013 un gran numero di startup si lancerà nell’impresa di rendere i big data più accessibili al personale addetto a vendite, sviluppo e marketing, con soluzioni specifiche per i professionisti di ciascun settore. La Social Intelligence, intesa come insieme di tecniche e strumenti per acquisire con meno sforzo e più efficacia le informazioni sul web, analizzarne il sentiment e tradurle in informazioni con valore di business, vedrà nel prossimo anno una progressiva espansione.

#9 e-Mail Marketing
Contenuti mirati e personalizzati
L’email continuerà ad essere parte integrante delle strategie di marketing, anche se cambierà il modo in cui verrà utilizzata. Essa sarà più personalizzata, pertinente e mirata sulla base dei dati in tempo reale, dando maggiore importanza all’opt-in marketing piuttosto che all’opt-out. Le campagne email saranno più segmentate, personalizzate e mirate, volte a fornire ai destinatari contenuti pertinenti. L’efficacia di ogni email sarà massimizzata grazie all’aiuto delle mailing list settoriali, con conseguente maggior numero di leads qualificati.

#10 CIO + CMO
La tecnologia del marketing evolve.
Il 2012 è stato un anno molto caotico per il marketing. Nel 2013, vedremo due grandi cambiamenti a livello tecnologico:
•           Maggiori investimenti in soluzioni tecnologiche in grado di ottimizzare attività di marketing, gestione dei Social Media, misurazione dei risultati, attribuzione e ROI. In più, sarà fondamentale l’implementazione di software e servizi integrati e unificati con altri canali, database e servizi, per avere soluzioni uniche in grado di coprire più aree contemporaneamente.
•           Le nuove tecnologie (dispositivi mobili di ogni genere e servizi basati sulla localizzazione) continueranno a svilupparsi: la sfida sarà come utilizzarle per riuscire ad implementare la propria area di influenza tramite il loro uso. Sarà quindi necessario capire come utilizzare ogni piattaforma nel miglior modo possibile, precisando che il mercato si sta riempiendo di widget, gadget e nuovi dispositivi.

#11 Content is the king
La Creazione di contenuti rilevanti diventa una priorità
Che piaccia o no, il contenuto la sta facendo e la farà sempre più da padrone. La creazione di contenuti sarà una delle priorità per i team marketing nel 2013: il budget a disposizione aumenterà e verranno realizzati e promossi servizi di creazione e curation, che aiuteranno il marketing a svilupparsi.

#12 Crowdosurcing
Gli utenti sono creativi e attivi. Ascoltiamoli e coinvolgiamoli
Il contenuto generato socialmente dall’audience è sempre stato utilizzato dalle aziende, che si avvalevano di concorsi a premi o simili per stimolare la creatività dei propri fan. Contemporaneamente ad un’ulteriore crescita del dominio social sul web (che promuove indirettamente creatività e desiderio delle persone di farsi notare all’interno di un network), il marketing dovrà trovare nuovi modi per sfruttare la creatività delle persone per costruire contenuti virali e interessanti.

#13 Gamification
Il marketing viene gamificato.
Marketing e gaming convergeranno, vale a dire che il primo diventerà più interattivo nel modo in cui viene distribuito e consumato, prendendo spunto dal secondo. I Social Media diverranno la base su cui approntare le strategie di vendita non solo da parte di grandi, ma anche di piccole e medie imprese. La gamificazione contribuirà ad aumentare l’appeal dei contenuti attraverso l’intrattenimento, le ricompense per gli obiettivi raggiunti e la capacità di apprendimento: forse il marketing non sarà così noioso come molti adesso ritengono.

#14 Content is Beautiful
Un’immagine vale più di mille parole.
I contenuti sono la componente essenziale del marketing, ma ciò non significa che la forma scritta sia l’unica da adottare. Siti come Pinterest e Instagram dimostrano che vale veramente la pena spendere tempo e risorse nella produzione di contenuti visivi. Infografiche, foto, video e altre forme di rich-media cresceranno esponenzialmente nei prossimi anni, cercando di tenere il passo dell’audience, che divora con voracità ogni tipo di contenuto.


#15 Inbound Marketing
Il marketing inbound crescerà a livello aziendale.
Nel 2013, il marketing non sarà più concepito come un reparto a sé stante. Ogni interazione che vendite, risorse umane, clienti, sviluppo, finanza e team aziendali e dirigenziali compiranno online, sarà un modo per promuovere il proprio brand, i propri prodotti e/o i propri servizi. Di conseguenza, quasi tutti i dipendenti si trasformeranno in inbound marketers. Questa trasformazione è guidata dal cliente-controllore, che intreccia la sua relazione con l’azienda in ogni aspetto, dal marketing alle vendite, passando per – ovviamente – il servizio clienti. Le società, se vogliono avere successo, dovranno capire come diventare business basati sull’inbound.

Interessato?
> Vuoi disegnare una strategia di marketing integrata?
> Desideri monitorare i comportamenti di clienti e target sul web e sui tuoi siti e account social?
> Vuoi trasformare la Brand Awareness in Leads?